San_francisco
2019: l’anno dei grattacieli
16/03/2020
africa
Il mercato degli ascensori in Africa
10/07/2020

Il mondo ascensoristico in Brasile

brasile

Una nazione importante, un mercato difficile, un mondo che presente alcune assonanza con l’Europa: ecco il Brasile. Il mercato brasiliano degli ascensori ha raggiunto l’apice nel 2014, quando le nuove installazioni sono salite a 16.000 unità, ma, al momento, dopo la crisi economica brasiliana, tale numero è sceso a 11.000. Nel 2019, il nuovo governo ha affermato il suo impegno nei confronti delle regole del mercato attraverso atti di liberismo economico e l’approvazione di un nuovo sistema pensionistico. Le previsioni di crescita del prodotto interno lordo brasiliano per il 2020 prevedevano (al netto della crisi legata al Covid 19), il +2,4% una grande differenza rispetto al -3,8% nel 2015 e al -3,5% nel 2016. I grandi cambiamenti nel settore degli ascensori brasiliani avvennero nel periodo 1999-2000, quando le multinazionali estere acquistarono le più importanti società brasiliane. Ma la crisi ha avuto un’influenza negativa sul mercato degli ascensori, soprattutto su importanti investitori che avevano scommesso sul Brasile, in particolare per la Coppa del Mondo e le Olimpiadi. Dal punto di vista demografico ci sono inoltre alcuni dati che invitano a riflettere sulla necessità di un vero e proprio rinnovamento della totalità degli ascensori presenti nel Paese. Infatti nel 2017, la popolazione anziana aveva già superato i 30 milioni e la previsione per il 2060 indica che un quarto della popolazione, circa 58 milioni, saranno cittadini anziani. Inoltre, il 15% della popolazione brasiliana soffre di una sorta di disabilità e per tanto la legge federale richiede che gli edifici siano resi accessibili.

In generale, il Brasile segue gli standard europei. Alcuni di questi standard sono pubblicati secondo il blocco commerciale MERCOSUR di Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay. Altri standard sono validi esclusivamente in Brasile (NBR), come la norma di sicurezza per ascensori esistenti. Un equivalente della norma EN 81-20 / -50 è in arrivo e sarà obbligatorio due anni dopo la sua pubblicazione. Il Brasile ha già adottato l’equivalente di allarme remoto EN 81-28 (NBR 16756), ma non è ancora obbligatorio. L’ETV (Vertical Transport Test Laboratory) di INTI è stato istituito nel 2012 per verificare tecnicamente gli elementi di sollevamento utilizzando gli ultimi standard di sicurezza.

Nonostante i problemi economici e altre difficoltà, AEM (Associazione degli ascensori MERCOSUR) è stata fondata nel 2013 come associazione di ascensori regionale che raggruppa le principali entità e altri collaboratori nella regione. Le sue priorità sono:

– Scambiare informazioni pertinenti tra le organizzazioni

– Difendere il lavoro specializzato e la sovranità tecnologica nella regione

– Monitorare congiuntamente la produzione commerciale e le prestazioni del settore

– Proporre misure e politiche agli Stati per promuovere il valore nazionale

– Gestire progetti regionali di formazione, tecnologia e innovazione

Ce ne sono tre dall’Argentina: CAFAC (Camera argentina dei produttori di ascensori e suoi componenti), ADIMRA (Associazione dell’industria metallurgica argentina) e ITEEA (Istituto di studi tecnologici e educazione degli ascensori). Dal lato brasiliano, ce ne sono altri tre: SECIESP (Unione di impianti di manutenzione e conservazione degli ascensori dello Stato di San Paolo), SECMIERJ (Unione di impianti di conservazione, manutenzione e installazione di Rio de Janeiro) e SECIEMG (Unione di Sollevare le aziende di manutenzione e installazione di Minas Gerais). Sfortunatamente, non ci sono associazioni in Uruguay e Paraguay.

I Numeri del mercato brasiliano:

  • Installazioni esistenti 250.000
  • Popolazione 45 milioni
  • Nuove installazioni 3.500 / anno
  • Nuove installazioni 85% aziende locali / 15% internazionali
  • Quota di mercato della manutenzione 10% aziende internazionali / 90% PMI locali
  • Numero di dipendenti 12.000